Commercio online sotto il cofano. Come un nuovo modo di proteggere i diritti degli acquirenti

Ti proteggeremo in un modo nuovo
Il Consiglio dei Ministri ha presentato al Verkhovna Rada disegno di legge №6134 “sulla protezione dei diritti dei consumatori”, che dovrebbe sostituire la legge attuale adottata nel 1991-uno dei primi dopo l’indipendenza ucraina. Da allora, quasi quattro dozzine di volte hanno apportato varie modifiche.

Alla legge attuale ci sono molte affermazioni, è moralmente obsoleto e ha molti buchi. Ad esempio, non regola le questioni di tutela dei consumatori nel settore del commercio elettronico, non ci sono meccanismi efficaci di protezione contro le attività commerciali disoneste, e la protezione dei diritti dei consumatori con un servizio garantito di prodotti – non efficace.

Managing partner dello studio legale Vincitore Igor Jasko ha spiegato che il progetto di nuova legge di principi di tutela del consumatore sono registrati già in linea con la legislazione europea. In particolare, è fissata la priorità dei diritti e degli interessi dei consumatori prima di tutti gli altri interessi e obiettivi di entità di business, e se la legge ammette una duplice interpretazione dei loro diritti e doveri, o se il contratto tra l’azienda e il consumatore contiene vaghe o ambigue disposizioni, poi le decisioni vengono prese a favore del consumatore.

Gli autori del disegno di legge sostengono che ha già gettato le basi per la partecipazione di organizzazioni pubbliche nella tutela dei diritti dei consumatori, in particolare, ha dato l’opportunità di partecipare alla risoluzione pre-giudiziaria delle controversie dei consumatori. Inoltre, il disegno di legge propone di esentare le organizzazioni pubbliche dal pagamento della tassa giudiziaria in tutte le autorità giudiziarie in materia di tutela dei consumatori.

Presidente dell’organizzazione pubblica per la tutela dei diritti dei consumatori” Spozhivcha dovira ” Elena Kulikova osserva che il progetto propone di tornare al campo legislativo questioni di tutela dei consumatori in materia di prodotti alimentari-le norme pertinenti sono state rimosse dalla legge in vigore nel 2014.

Avvocato studio legale “Semenova e Partner” Marina Semenova ritiene positivo il disegno di legge che introduce nella legge di “spese legali” norma che i consumatori in materia di violazione dei loro diritti, sono esenti dal pagamento delle spese di giudizio in tutti i tribunali. Anche se tale esenzione dal pagamento della tassa prevista dalla legge vigente “sulla protezione dei diritti dei consumatori”, ma i giudici a volte ignorano l’invio di avvocati a questa legge e obbligano la tassa giudiziaria a pagare. Ora, l’esenzione dal pagamento della tassa sarà espressamente previsto dalla legge profilo “sulla raccolta giudiziaria”, piuttosto che la legge “Sulla protezione dei diritti dei consumatori”.

 

Gli svantaggi del progetto di legge ha portato la norma che l’utente non ha il diritto di richiedere la risoluzione del contratto, se rilevata in merce difetto è trascurabile. La legge non definisce ciò che significa “piccolo difetto” e Marina Semenova ritiene che l’azienda farà riferimento a questa norma per evitare la rottura del contratto e la restituzione delle merci.

È obsoleto mentre scriveva
In una nota esplicativa al disegno di legge, il governo ha indicato che è stato progettato “per avvicinare la legislazione nazionale sulla protezione dei diritti dei consumatori alla legislazione Dell’Unione Europea e armonizzare il sistema di protezione dei consumatori in Ucraina con i principi, gli approcci e le pratiche DELL’UE”.

Armonizzare la sua legislazione in questo settore, L’Ucraina si è impegnata nel 2014, firmando un accordo di associazione tra L’Ucraina e L’UE. Tuttavia, secondo Elena Kulikova, è stato fatto sul principio residuo-l’Ucraina armonizzato qualsiasi ambito, ma non solo la protezione del consumatore. E solo nell’ultimo anno è stato tentato di scrivere una nuova legge, che è ora presentato in Parlamento. “Ma durante questo periodo, La legislazione europea in materia di tutela dei consumatori è andato molto in avanti: diverse direttive europee, in conformità con la quale ha condotto l’armonizzazione della legislazione ucraina, già abolito. Così ora prenderà moralmente obsoleto in alcuni aspetti del disegno di legge, ” – ha detto.

Tuttavia, Elena Kulikova ritiene che il disegno di legge, per tutti i suoi difetti – ancora meglio di lavorare oggi la legge, e può essere modificato nel processo di revisione in Parlamento. Ad esempio, NELL’UE esiste una forma pre-processuale di risoluzione delle controversie, in particolare attraverso la mediazione o l’arbitrato, e, ad esempio, in Germania solo il 2% delle controversie commerciali con il consumatore arriva in tribunale. E in Ucraina, la risoluzione preliminare di tali controversie non è praticata.

Inoltre, NELL’UE, le organizzazioni pubbliche sono dotate di poteri sostanziali nel campo della protezione dei consumatori. Allo stesso tempo, ricevono il sostegno del governo, perché svolgono una missione sociale, e il loro finanziamento attraverso il denaro di sponsorizzazione può renderli zaangazhirovannym.

Il commercio online sarà messo in controllo
Un’altra caratteristica positiva del disegno di legge è che contiene norme che devono risolvere i problemi del commercio su Internet.

Secondo Marina Semenova, questo razionalizzerà e standardizzerà i modi di fare e-commerce, e portare chiarezza nella terminologia e nei modi di trading proteggerà il consumatore da pubblicità aggressiva e informazioni inaffidabili.

Allo stesso tempo, il progetto di legge propone anche di bloccare il funzionamento di siti Web di venditori senza scrupoli. In particolare, Gosprodpotrebsluzhba se l’entità aziendale non fornisce sul suo sito web informazioni affidabili sul suo nome e la posizione (che rende impossibile la supervisione dello Stato), si rivolgerà al fornitore di limitare l’accesso al sito web del trasgressore.

Marina Semenova ritiene tale blocco strumentale, perché oggi ci sono un sacco di uomini d’affari senza scrupoli, che pubblicano sui propri siti informazioni false su di te, ricevono da parte dell’acquirente pagamento anticipato per beni o servizi, e poi non adempiono ai loro obblighi, e il consumatore rimane vulnerabili e in difficoltà al momento del rimborso. “Pertanto, l’introduzione di tali modifiche contribuirà a ridurre i rischi per il consumatore, che è sempre un punto debole nei rapporti con il venditore o la società che fornisce servizi”, ha affermato.

Tuttavia, una tale regola suggerisce anche che tale diritto di bloccare i siti di venditori negligenti può essere abusato. Managing Partner dello Studio Legale Juscutum Artem Afyan ha sottolineato che la storia con il social network “Vkontakte” e siti russi ha dimostrato che il blocco è possibile. Ma tali norme possono essere spiacevoli per molti, perché Internet, che è stato percepito in precedenza come il territorio della libertà, ora diventa controllato. “Pertanto, questo disegno di legge non sarà accolto con gioia. Inoltre, gli ucraini vorrebbero vedere questo meccanismo in futuro non si è trasformato in censura. E le norme legislative che proteggerebbero da blocchi impropri, oggi no”, ha sottolineato.

Tuttavia, Elena Kulikova ritiene che il disegno di legge enunciato criteri chiari che devono soddisfare le imprese in termini di fornire informazioni complete e affidabili, e se rispettati, il business non ha nulla da temere. Inoltre, Gosprodpotrebsluzhba si rivolge al fornitore solo dopo che si considera il reclamo e assicurarsi che la violazione è davvero lì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *