Guarda nello specchio nero. Come 5G aiuterà gli smartphone a spiare meglio i loro proprietari

Non ha senso raccontarlo interamente, quindi ” DS ” ha scelto alcuni dei punti più interessanti-qualcosa che non sappiamo o non indoviniamo, o sappiamo – ma cerchiamo di non pensare. I due principali argomenti di discussione nella tavola rotonda sono stati i big data e le criptovalute.

Mobile e Big Data
Guarda il tuo smartphone: quante app mobili sono installate su di esso? Secondo le statistiche, in media-circa 11. Ma un cittadino attivo, un uomo d’affari, — almeno il doppio. Si prevede che nel prossimo futuro una persona al giorno trascorrerà quattro ore, o anche di più sulla comunicazione mobile, di cui l ‘ 88% del tempo – per le applicazioni mobili. Il ritmo di “mobilitazione” ha accelerato negli ultimi anni, soprattutto dopo la pandemia — le applicazioni mobili hanno iniziato a utilizzare il 30% in più di persone rispetto a prima.

Lo smartphone ora è anche un portafoglio mobile: puoi pagare qualsiasi servizio con esso. Un netto contrasto con il tempo in cui è stato necessario stare in piedi una coda enorme per pagare il comune. Ora con l’aiuto del telefono è possibile acquistare qualsiasi merce, generi alimentari, cambio valuta, organizzare conferenze-fare qualsiasi cosa.

Presto la realtà per noi sarà la connettività mobile 5G, che fornisce il trasferimento di enormi quantità di dati. Ciò significa che c’è la possibilità di creare realtà virtuale, viaggi virtuali. Cioè, il mondo delle app mobili diventerà il mondo della realtà virtuale. E allo stesso tempo, più informazioni saranno raccolte sugli utenti che ora, quando interagiamo manualmente con uno smartphone a livello 4G.

“Tutto ciò che fai con il telefono lascia la tua impronta elettronica, lo vuoi, non lo vuoi, ma è successo e deve essere preso già come un dato di fatto. La domanda è chi gestisce questi dati e per cosa — ha detto il CEO di Vodafone Ucraina Olga Ustinova. – Sì, siamo molto regolamentati. Ad esempio, GDPR — protezione dei dati personali) non è una parola rimossa per noi. Ma diamo un’occhiata a questa situazione in un modo diverso. Abbiamo fino ad oggi il 90% del mercato non è identificato. E gli ucraini pensano che non sappiamo chi sei, cosa sei. Ma sei tu che pensi così che non sappiamo chi sei o cosa sei. L’informazione rivela davvero tutto, ed è molto.

Il comportamento delle persone non è sempre logico. Abbiamo paura di lasciare i dati personali agli operatori di telefonia mobile, ma non abbiamo paura di legare il proprio numero di cellulare ai loro mezzi di pagamento finanziari. Su Facebook e Instagram, mostriamo così tanto di noi stessi e ci diciamo che, in linea di principio, non è necessario nemmeno raccogliere dati su di noi. Questo è un dilemma della società: da un lato, vogliamo davvero essere chiusi, e, d’altra parte, su tutti i siti sociali raccontiamo tutto di noi stessi, e non ci interessa molto.

 

“Vodafone sa dove stai guidando, a che velocità stai guidando la macchina, possiamo anche dire chi di voi possiede la macchina e chi no, Chi di voi ha volato di recente in quale paese. Sappiamo molto su di te — ha riconosciuto Olga Ustinova. – Ma credetemi, questi dati sono in mani molto sicure. Perché ci incrociamo con un gran numero di sfere: e con fintech, e, di conseguenza, con tutte le forniture, gli acquisti. Poiché all’inizio ho detto: tutto ciò che non fai, il telefono lo sa.”

E poi inizia a lavorare con big data (Big Data). Come, ad esempio, la compilazione di un ritratto digitale della personalità, la modellazione del suo comportamento. Prima di tutto, naturalmente, il comportamento dei consumatori-ma tutto dipende dal cliente.

Proprio l’altro giorno il Parlamento europeo ha deciso di limitare, e anche del tutto vietare in luoghi affollati di usare il riconoscimento automatico dei volti. ciò suggerisce che la tecnologia stessa non è tossica, la domanda è come usarlo, quali persone o strutture lo usano. E qui, naturalmente, è importante, tra cui il ruolo dello Stato come regolatore. Diversi paesi agiscono in modo diverso. L’Europa sta seguendo la sua strada. La Cina è una storia a parte: ci sono già valutazioni sociali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *