Positivo della settimana. Ucraina aiuta la Svizzera a fare e-VTOL aereo

La società ucraina AO “FED”, in collaborazione con la svizzera Sauber Engineering AG e SIRIUS AVIATION AG sviluppa электросамолет decollo e atterraggio verticale (e-VTOL), che non richiede costose e complesse infrastrutture (aeroporti) e in grado di volare fino a 800 km con una singola carica. Come riportato da Defense Express, l’integratore del progetto da parte ucraina agisce società JSC “Fed”, il progetto coinvolge anche la società” Motor Sich “e se”Antonov”. Le aziende ucraine producono R & S, motori e alcuni componenti. Allo stesso tempo, la produzione di fusoliera, l’integrazione di componenti in grandi unità è prevista per ospitare nel consorzio industriale italiano Leonardo S.p.A. l’assemblaggio finale e il test del velivolo Sirius Jet si svolgono in Svizzera. BMW è già impegnata nel design degli interni.

In JSC ” Fed ” notare che l’unicità del loro velivolo in combinazione con i vantaggi di un elicottero e un aereo. Secondo il tipo di aeromobile è un convertoplan, ma a differenza di tali aeromobili, i motori sono posti nell’ala. I progettisti della società affermano che il convertoplan volerà ad una velocità di 310 km / h, trasportare fino a 5 passeggeri o fino a 500 kg di merci.

 

L’aereo è presentato in due versioni — su batterie agli ioni di litio, che fornirà un raggio di volo di 240 km e celle a combustibile a idrogeno, aumentare la portata fino a 800 km e velocità fino a 500 km/h.

Sirius Jet con 24 elettricamente a otto canali ventole, che garantiscono un’elevata trazione efficienza, sarà dotato di un unico profilo aerodinamico e трехсекционное ala, una cabina pressurizzata, ampio salone e grande parabrezza che permette al pilota e ai passeggeri di avere un’ampia panoramica. Il corpo sarà realizzato con materiali compositi speciali.

L’aereo elettrico prevede quattro scenari di utilizzo: un taxi aereo; evacuazione aerea; trasporto di merci fino a 500 kg e un veicolo aereo personale (business jet).

Ora è stata effettuata una serie di test del modello di aeromobile in galleria del vento della società” Antonov ” e Sauber Engineering AG. Sono state confermate le caratteristiche tecniche del suo profilo aerodinamico unico, le terminazioni alare che garantiscono una bassa resistenza e un volo ad alta velocità. Ora l’aereo dimostratore è in produzione, ha iniziato a testare i singoli sistemi e ha superato i test di successo dei motori. Il primo volo è previsto per il 2-3 trimestre del 2022, il funzionamento commerciale è previsto per l’anno 2025.

Ucraino drone-kamikaze “Thunder” ha superato i test di volo
Il drone di sviluppo di Un’impresa scientifica e manifatturiera è posizionato come un mezzo per colpire obiettivi ad alta precisione. Una caratteristica dell’uso di questo complesso è la possibilità di colpire obiettivi in posizioni chiuse e l’uso di vari tipi di unità di combattimento.

Come informa il “militare”, per aumentare la durata e la gamma di volo, il complesso comprende Multicopter. È progettato per il trasporto aereo e il lancio verticale di munizioni Barrage. Con il suo aiuto, il drone kamikaze “Thunder” può essere sollevato ad un’altezza di 500-700 metri. Dopo il lancio delle munizioni Barrage, il Multicopter trasmette i segnali di controllo e i dati del carico utile.

Il drone è progettato per colpire obiettivi particolarmente importanti in un raggio di 30 chilometri, comprese le stazioni radar, i punti di comando, i magazzini di carburanti e lubrificanti, i magazzini di munizioni. Il suo tempo di volo è di circa 1:00 e la velocità di crociera è di 120-140 chilometri all’ora. Il controllo del drone è effettuato dall’operatore con l’aiuto di un tablet, sceglie un bersaglio per la sconfitta.

“Thunder” può utilizzare una vasta gamma di unità di combattimento (frammentazione esplosiva, termobarrico, incendiario, cumulativo) per colpire obiettivi particolarmente importanti e oggetti di infrastrutture critiche, incl. radar, complessi EB, elementi di sistemi di comunicazione e di controllo, depositi di munizioni e gsm, ecc.

Ricordiamo inoltre che L’Ucraina ha già scelto un luogo per la costruzione di un impianto di impatto UAV Bayraktar, ma non è ancora stato divulgato per motivi di sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *